Il dolore è un sintomo di qualcosa che non va,

il segnale di una patologia in corso.

Il dolore può essere acuto e quindi utile; un campanello d’allarme che permette di diagnosticare e curare una malattia.

Quando però diventa cronico, è inutile e quindi va curato e alleviato; ciò può essere ottenuto attraverso farmaci oppure attraverso procedure percutanee mininvasive eseguite in anestesia locale che possono limitare o evitare il ricorso all’ intervento chirurgico.

All’ ambulatorio di terapia del dolore si possono rivolgere tutti coloro che soffrono di:

* Sciatalgia ribelle ai comuni trattamenti farmacologici

* Lombalgia (mal di schiena)

* Cefalee

* Herpes zooster

* Nevralgia del trigemino

* Fibromialgia

* Dolori articolari (ginocchio, spalla, anca e articolazione sacroiliaca)

* Dolori conseguenti a malattie infiammatorie, degenerative, vascolari e tumorali.

 

I trattamenti svolti dal medico Terapista del Dolore sono:

* Infiltrazioni peridurali e intraforaminali lombari e cervicali con radiofrequenza pulsata.

* Termolesione con radiofrequenza delle faccette articolari lombari, toraciche e cervicali.

* Peridurolisi.

* Decompressione discale lombare o cervicale.

* Radiofreuenza pulsata o continua su nervi occipitali, nervi intercostali, nervo sovrascapolare, ganglio impari e corpi genicolati del ginocchio.

* Impianto di neurostimolatore midollare.